La vitamina D può aiutare a controllare l'asma?


La vitamina D è una vitamina cruciale, sebbene spesso trascurata, che aiuta a regolare molte delle funzioni del corpo. I ricercatori hanno appreso che i pazienti con asma hanno in genere livelli più bassi di vitamina D rispetto ad altre persone. Diamo un'occhiata alla vitamina D e a come può aiutarti a controllare meglio il tuo asma.

Fatti di vitamina D.
La vitamina D è un composto liposolubile che può essere sintetizzato dall'organismo; si trova anche in alcuni alimenti. Il corpo produce vitamina D (detta anche vitamina "del sole") se esposta alla luce solare. All'interno del corpo, la vitamina D deve essere convertita in una sostanza chimica più utilizzabile in un processo in due fasi. Innanzitutto, il fegato converte la vitamina D in calcidiolo. Successivamente, i reni convertono il calcidiolo in calcitriolo, che è una forma più semplice di vitamina da utilizzare per il corpo. La vitamina D aiuta a promuovere la salute delle ossa, la crescita cellulare, aiuta con le funzioni neuromuscolari e immunitarie e ha proprietà anti-infiammatorie.

Un semplice esame del sangue viene utilizzato per controllare i livelli sierici di sangue per determinare se si è carenti di vitamina D. Se non hai abbastanza vitamina D, il tuo medico ti consiglierà il miglior trattamento per aiutarti ad aumentare i livelli di questa importante vitamina nel tuo corpo.

Fonti di vitamina D comprendono pesce grasso (compresi salmone, tonno e sgombro), oli di fegato di pesce, fegato di manzo, formaggio e tuorli d'uovo. Gli alimenti fortificati (come cereali, latte, succo d'arancia, ecc.) Sono anche fonti di vitamina D. E, naturalmente, un po 'di esposizione al sole aiuta il corpo a produrre la propria vitamina D. Ci vogliono dai 10 ai 15 minuti di luce solare ogni giorno per creare la giusta quantità di vitamina D di cui hai bisogno. Se vivi nelle latitudini più settentrionali, dove gli inverni limitano la quantità di luce solare, potrebbe essere necessario ottenere la vitamina D da alimenti e integratori.

Vitamina D e sistema immunitario
Le persone che hanno livelli carenti di vitamina D possono essere più inclini a sviluppare alcuni tumori, rachitismo (una malattia ossea), osteoporosi, sclerosi multipla (SM) e altre condizioni. Sono stati condotti molti studi per scoprire esattamente come funziona la vitamina D con il sistema immunitario. I ricercatori non hanno ancora tutte le risposte, ma ecco cosa sanno:

• La vitamina D armi le cellule T del corpo per rintracciare e uccidere gli invasori stranieri, come batteri e virus.
• Il calcitriolo (la forma convertita di vitamina D) aiuta a bloccare i cambiamenti del sistema immunitario che portano a malattie autoimmuni.
• Il calcitriolo aiuta anche a bloccare le sostanze chimiche che uccidono i tessuti del corpo.

Come la vitamina D può aiutare l'asma
I ricercatori hanno scoperto che gli asmatici tendono ad avere livelli più bassi di vitamina D rispetto ad altre persone. I pazienti asmatici con bassi livelli di vitamina D mostrano una maggiore ipersensibilità delle vie aeree e misurazioni del flusso di picco più basse, insieme a un controllo dell'asma più scarso. Gli scienziati ritengono che la vitamina D possa bloccare il processo di infiammazione nei polmoni, oltre ad aumentare la quantità di interleuchina-10 (un forte antinfiammatorio naturale) nel corpo. Può anche aiutare i corticosteroidi per via inalatoria a lavorare in modo più efficiente nel controllo dei sintomi dell'asma.

Dose ottimale di vitamina D
La dose ottimale di vitamina D varia in base all'età e ai problemi di salute che potresti avere. Ecco le indennità giornaliere raccomandate dal National Health Institutes (NHI) negli Stati Uniti:

• Età 1-70 anni: 600 UI al giorno
• A partire da 71 anni: 800 UI al giorno
• Donne in gravidanza e in allattamento: 600 UI al giorno

Il dosaggio superiore sicuro stabilito di vitamina D è di 4.000 UI al giorno. Tuttavia, come con qualsiasi integratore o farmaco, è importante non assumere una dose superiore a quella raccomandata dal medico. Alte dosi di vitamina D, per lunghi periodi, possono essere tossiche.

Dosi tossiche di vitamina D sono rari e sono generalmente causati dall'assunzione di integratori, piuttosto che dalla dieta o dall'esposizione al sole. Sintomi di overdose di vitamina D. può includere scarso appetito, nausea, vomito, minzione frequente e problemi renali.

Dovresti prendere la vitamina D per migliorare l'asma?
Gli scienziati non sono ancora completamente certi se l'impatto della vitamina D sull'asma. Alcuni studi dicono di sì, e altri dicono di no quando si tratta di utilizzare questo integratore. Se sei interessato ad aggiungere vitamina D al tuo piano di gestione dell'asma, assicurati di parlare prima con il tuo medico. Se il medico consiglia di assumere vitamina D, assicurarsi di assumere solo la dose prescritta.

Gli integratori possono essere pericolosi per la salute come qualsiasi altro tipo di trattamento. Un sovradosaggio di vitamina D è raro, ma può avere risultati drastici sul tuo corpo. Il modo più sicuro per assumere abbastanza vitamina D è seguire una dieta sana e un'esposizione solare sicura. Gli integratori possono fare la differenza: basta usarli come indicato dal medico.

Dai un'occhiata al mio nuovo libro Asthma's Nothing to Wheeze At!


Ora disponibile anche su Nothing to Wheeze At di Amazon Asthma!

I 9 segni della carenza di vitamina D (Agosto 2020)



Modifiche Dell'Articolo: La vitamina D può aiutare a controllare l'asma? Asma, asma, vitamina D, vitamina D e asma, controllo dell'asma, gestione dell'asma, integratori, fonti di vitamina D, tossicità da vitamina D, corticosteroidi per via inalatoria, steroidi, inalatore, interleuchina-10, anti- infiammatorio, infiammazione, processo infiammatorio, vie aeree ipersensibili, misurazione del flusso di picco