Cambia la tua vita con la teoria dell'attaccamento


Oggi è un fatto ben collaudato e pienamente accettato che le personalità, i comportamenti e le scelte degli adulti siano in gran parte determinati dalle nostre relazioni con i nostri genitori durante l'infanzia. I professionisti della salute mentale conoscono questo concetto come "teoria dell'attaccamento" e spesso lo usano per aiutare i loro pazienti a superare schemi di vita malsani. Nonostante la sua incredibile validità e disponibilità, nel mio lavoro di psicologo ho visto che la maggior parte delle persone resiste all'idea che le loro attuali lotte sono radicate nella loro infanzia.

Ecco otto passaggi per l'utilizzo della teoria degli allegati per risolvere un problema:

1. Ti rendi conto che continui a seguire un modello malsano nella tua vita.
2. Sei curioso o confuso sul perché hai questo particolare schema.
3. Guarda indietro alla tua infanzia. Chiediti se ci sono state situazioni come questa nella tua infanzia. Uno dei tuoi genitori ha fatto questo in qualche modo? I tuoi genitori si sono sentiti così? Questo modello esisteva in qualche modo nella tua famiglia di origine?
4. Identificare i sentimenti coinvolti in questo modello. Cosa hai provato da bambino in relazione a questo? Cosa provi adesso?
5. Quando si determinano le radici del problema, riconoscere a se stessi che non si è in colpa per averlo. Sei cresciuto in questo modo. Non è colpa tua.
6. Riconosci che anche i tuoi genitori potrebbero non essere in colpa. Potrebbero aver lottato da soli o averlo insegnato dai propri genitori. La colpa non è sempre utile, ma la comprensione lo è.
7. Ora che capisci le radici e riconosci che non è colpa tua, pensa a come puoi cambiare questo schema. Cosa ci vorrà? Quanto sarà difficile?
8. Ora mettiti al lavoro per cambiare lo schema.

Linda

Per vedere un esempio dell'utilizzo della teoria degli allegati per risolvere un problema di vita reale, parliamo di Linda.

Linda è una donna di 42 anni che sta diventando molto frustrata con se stessa. È arrabbiata perché guarda indietro nella sua carriera e vede che non è in grado di mantenere un lavoro per più di due anni. Linda è intelligente, istruita e competente. È in grado di ottenere buoni lavori. Inizia ogni lavoro con energia ed entusiasmo, ma vede rapidamente che il lavoro non è quello che pensava originariamente. Diventa delusa dal suo capo e dai suoi collaboratori. Comincia a mettere in discussione le decisioni del suo capo. Comincia a sentirsi impaziente e frustrata. In ogni lavoro, l'atteggiamento negativo di Linda viene alla fine notato da coloro che la circondano. Comincia a ridurre il morale e il suo capo le suggerisce infine di cercare un nuovo lavoro.

Anche se Linda può vedere il suo modello malsano, si sente impotente a fermarlo. Sa che è una ripetizione autolesionista. Si sente stupida, sgradevole e imperfetta. Si sente impotente e bloccata. Lei si incolpa.

Linda ha già realizzato Passaggi 1 e 2 sopra. Vede lo schema e ne è sconcertata. Inoltre, si incolpa di se stessa. Ora passiamo attraverso i passaggi rimanenti.

Passaggio 3: Linda guarda indietro alla sua infanzia. Si chiede: "Com'è stato nella mia infanzia?" Linda vede che suo padre era un uomo irritabile. Era critico e particolare, e generalmente difficile andare d'accordo. Linda ricorda che suo padre la trattava in un modo simile al modo in cui tratta i suoi capi. I sentimenti del padre di Linda nei suoi confronti variavano notevolmente. Trascorreva mesi ad ammirarla dopo aver ricevuto un premio o un'eccellente pagella; poi, non appena lo ha deluso in qualche modo, facendo una B-, essendo passato per un premio, o semplicemente essendo un bambino normale, è diventato impaziente e disilluso con lei.

Passaggio 4: Linda si rende conto di aver trascorso tutta la sua infanzia in questo modo, in cicli di sentirsi apprezzati e pieni di speranza, seguita da una sensazione di non essere all'altezza. Vede che i sentimenti che prova nel suo rapporto con il suo capo sono gli stessi: ammirazione di speranza, seguita da delusione disillusa.

Passaggi 5 e 6: Linda vede che arriva questo problema onestamente. Sta semplicemente seguendo uno schema che è stato programmato nel suo cervello, inavvertitamente, da suo padre. Si rende conto che suo padre è stato trattato in questo modo dai suoi stessi genitori. Giura di cambiare questo schema.

Passaggio 7: Linda decide che nel suo prossimo lavoro lavorerà sodo per essere più tollerante. Riconoscerà che i sentimenti di disillusione provengono dal suo passato, non dal presente. Farà del suo meglio per gestire i propri sentimenti e non condividerli con gli altri.

Passaggio 8: Gli sforzi di Linda non saranno semplici o senza soluzione di continuità. Potrebbe passare un altro lavoro o due in procinto di cambiare. Ma se continua a farlo, molto probabilmente sarà in grado di risolvere questo problema, andare oltre il modello malsano e stabilire una carriera più solida per se stessa.

Naturalmente non tutti i problemi della vita possono essere risolti in questo modo, ma ho scoperto che la maggior parte può farlo. Siamo tutti guidati da sentimenti ed esperienze della nostra infanzia. Fortunatamente, possiamo prenderne il controllo, gestirli e cambiarli.

Tutto ciò che dobbiamo fare è sfruttare il potere della teoria degli attaccamenti.

Liberati dal Narcisista così! (Gennaio 2021)



Modifiche Dell'Articolo: Cambia la tua vita con la teoria dell'attaccamento, la salute mentale, supera un problema, lotta, lotta, modello disadattivo, disfunzione, fare le scelte sbagliate, depressione, sentirsi bloccati, andare oltre, crescere, cambiare, problemi di impegno nelle relazioni, infanzia disfunzionale, dolore, infanzia dolorosa, genitori violenti, coping, salute, cambiamenti, come crescere, intuizione

Editori delle donne

Editori delle donne

libri e musica

Parole Poesia

Parole Poesia

libri e musica